> I vantaggi dell'isolamento:

Protezione dal freddo

La cellulosa in fiocchi ha una densità ideale che non lascia passare il freddo.

Protezione dal caldo

La cellulosa ha una capacità di assorbire calore doppia rispetto a isolanti tradizionali.

Prodotti naturali

La cellulosa è un'isolante naturale e a basso impatto ambientale che diminuisce i consumi energetici.

Risparmio e guadagno

Una casa isolata consuma meno riscaldamento in inverno e fa risparmiare sui costi per la climatizzazione in estate.

isolarelacasa.it » Come isoliamo » Isolamento delle intercapedini con la cellulosa in fiocchi

Isolamento delle intercapedini con la cellulosa in fiocchi

GUARDA FILMATO INSUFFLAGGIO INTERCAPEDINI

L’isolamento delle intercapedini delle murature avviene in 4 semplici fasi:

FASE 1: ESECUZIONE DEI FORI E VERIFICA INTERCAPEDINE

L’intervento di isolamento delle intercapedini murarie può essere realizzato dall’esterno o dall’interno dell’immobile, sia in case nuove che esistenti, anche nel caso di singolo appartamento arredato.

Si inizia effettuando una serie di fori a circa cm. 50 dal pavimento e una serie a 50 cm dal soffitto e ad interasse di circa cm. 100/150. Si tratta di fori di diametro 40 mm effettuati con carotatore.
I fori eseguiti in basso consentono di saturare tutti gli interstizi presenti nella camera d’aria, mentre quelli effettuati in alto, garantiscono una stabilità nel tempo del materiale.

FASE 2 e 3: PREPARAZIONE “MINIFANT” E INSUFFLAGGIO

Nei fori eseguiti viene effettuato l’insufflaggio con idonea macchina, a partire dai fori in basso. Essendo un prodotto sciolto e comprimibile, la fibra di cellulosa può riempire tutti gli interstizi presenti nei vani, evitando soluzioni di discontinuità e garantendo una densità in opera di 50-55 kg/mc. Tale densità garantisce la stabilità dell’ isolante nel tempo. Si diffidi pertanto da quegli installatori che insufflano a 30-35 kg/mc. Con tale densità non è garantita la stabilità del prodotto nel tempo.


FASE 4: VERIFICA DEL MATERIALE INSUFFLATO E CHIUSURA DEI FORI

A insufflaggio ultimato, si verifica la completa saturazione e si procede alla chiusura dei fori con la rasatura finale.

ESEMPIO DI RIPRISTINO MATTONE

L’intervento di insufflaggio dell’intercapedine può avvenire dall’esterno anche in abitazioni che si presentano esternamente con mattone a vista. Il ripristino è pressochè uguale all’originale ed eseguito a regola d’arte.

VANTAGGI DELL’ISOLAMENTO

L’insuflaggio con la fibra di cellulosa può avvenire sia sulle case esistenti che su case nuove, sia intervenendo dall’interno che dall’esterno. Condizione fondamentale è la presenza dell’intercapedine.
Per l’esecuzione dei lavori infatti, non saranno necessarie particolari opere accessorie o comunque invasive o che possono “sconvolgere la normale routine familiare”.
Il lavoro si limita all’esecuzione dei fori, all’insuflaggio con apposito macchinario e alla chiusra dei fori con malta di cemento. Prima di andare via, con apposito aspiratore, si lascia la casa perfettamente abitabile. Pertanto è possibile operare anche in case arredate e in qualsiasi stagione. L’invasività dell’intervento è simile a quello che si ha eseguendo la tinteggiatura delle pareti interne. Solitamente un alloggio si isola in una giornata lavorativa.
La cellulosa in fiocchi vanta comunque dei vantaggi rispetto ai sistemi a pannelli, pertanto rappresenta una validissima alternativa anche per le case in fase di costruzione:

- essendo un materiale sfuso la cellulosa va ovunque, senza la discontinuità indotta dai giunti tipica di sistemi a pannelli

- si ha sempre la perfetta aderenza alla superficie del mattone

- eliminazione delle correnti convettive che si creano naturalmente all’interno dell’intercapedine e impedimento di entrata d’aria fredda all’interno dell’intercapedine proveniente dall’esterno

- mantenimento della temperatura a riscaldamento spento

- alto valore di traspirabilità e di igroscopicità : la cellulosa essendo un materiale igroscopico assorbe l’umidità interna nei periodi più umidi per poi rilasciarla nei periodi più asciutti (la cellulosa garantisce la casa asciutta in ogni condizione igrometrica)

- ottime caratteristiche proprie del materiale, velocità di realizzazione e poco disturbo arrecato al cliente, rendono la fibra di cellulosa la soluzione a tanti tuoi problemi di isolamento.

BENESSERE PERCEPITO o CONFORT ABITATIVO

L’isolamento con cellulosa in fiocchi permette di ottenere una temperatura costante in tutte le stanze e di migliorare la sensazione del BENESSERE PERCEPITO, oltre a limitare drasticamente la variazione di temperatura (abbassamento o innalzamento in gradi) senza l’ausilio di fonti di calore o raffreddamento.

L’esempio più tipico ce lo da il caldo scaturito da un camino: il caldo è quasi insopportabile di fronte alla fiamma, ma la nostra schiena è gelata.

In maniera analoga un muro non isolato “gela” la parte del nostro corpo rivolto verso questa “fonte fredda”, oltre a raffreddare velocemente l’aria calda generata dai caloriferi o altri tipi di riscaldamento. Infatti la sensazione di freddo deriva solo in parte dalla temperatura dell’aria e dalla presenza di vento (salvo casi eclatanti ed evidenti), ma in particolare i MURI , le FINESTRE e i SOFFITTI freddi incidono in maniera sensibile nella percezione della temperatura; l’IRRAGGIAMENTO ha un ruolo fondamentale.

E’ bene sapere che all’interno di un’intercapedine c’è sempre circolazione d’aria, in quanto tale vano non è stagno (spesso l’aria entra dai cassonetti delle tapparelle o dai muri stessi). Questa aria che circola nell’intercapedine in inverno è gelata e raffredda il nostro muro interno e d’estate è calda e ce lo riscalda. Dobbiamo assolutamente andare a fermare quest’aria che circola se vogliamo che i soldi spesi per il riscaldamento o condizionamento siano…SPESI BENE, cioè migliorando il confort abitativo.

Anche applicare un cappotto all’esterno, se presente l’intercapedine, magari in presenza di cassettoni delle tapparelle, non solo aggrava il cliente di una serie di opere accessorie necessarie (sostituzione delle soglie e dei davanzali, rimozione e modifica dei pluviali e di tutte le lampade/ placche a parete, rifacimento della zoccolatura perimetrale, ecc.) che comporterebbero una spesa rilevante ed un disagio a chi abita il fabbricato, ma non migliora la situazione in merito al confort abitativo. Infatti l’aria presente nell’intercapedine “annienta” la protezione del cappotto esterno. La cappottatura costa circa 4 volte in più dell’insuflaggio di cellulosa e oltretutto non protegge dal caldo.

E SE NON HO l’INTERCAPEDINE?