Casa troppo calda in estate

PATOLOGIE DELLA CASA

Casa troppo calda in estate?


L’ing. Riccardo Raimondo ha la soluzione che fa per te in alternativa al condizionatore.

Per quanto piacevole possa essere l’estate, è difficile sentirsi a proprio agio all’interno di stanze con temperature tropicali. La prima cosa che ci balza in mente per poterci proteggere dal caldo, è chiamare il nostro idraulico di fiducia e commissionare un condizionatore. Senz’altro questa soluzione non è da scartare, ma abbastanza anti economica.

Un buon isolamento di pareti, sottotetto e/o tetto con la cellulosa in fiocchi è un'ottima alternativa al condizionatore.
L'isolamento con la cellulosa assicura che, anche durante giornate di caldo estremamente intenso, dentro le proprie quattro mura rimanga un piacevole fresco, senza la spesa di un impianto di climatizzazione.

A questo punto va detto che è di fondamentale importanza la scelta del materiale isolante. Infatti, se per il freddo in linea di massima tutti gli isolanti si equivalgono, per il caldo non è così.

Per l’isolamento dal caldo devo scegliere un isolante che abbia una buona INERZIA TERMICA, come la cellulosa in fiocchi, ideale per l'isolamento delle intercapedini e l'isolamento dei sottotetti.


Semplicemente la fibra di cellulosa, in qualità di prodotto naturale, ha la capacità di assorbire/trattenere calore e rilasciarlo prima che lo stesso entri in casa.
Questa proprietà è ritrovabile solo nei prodotti naturali che hanno inerzia termica (cioè una buona massa e bassa conduttività).
Non è il caso del polistirene, poliuretano, fibra di vetro, ecc. che per la loro composizione, non possono garantire questi risultati.

Più l’inerzia termica è alta maggiori sono le ore prima che il calore riesca ad entrare in casa.

Come fa la cellulosa a proteggermi dal caldo?

Grazie alla sua struttura, ed alla messa in opera con densità da 55 a 60 kg/m3, la fibra di cellulosa ha una capacità di assorbire calore praticamente doppia rispetto a quella di un isolante tradizionale.
Questo significa che la fibra di cellulosa accumula il calore durante il giorno e lo diffonde all’interno della casa solo verso sera quando già rinfresca all’esterno. Pertanto il calore accumulato può essere facilmente smaltito attraverso la ventilazione dei locali.

Viene definito sfasamento la differenza di tempo tra l’ora in cui si registra la massima temperatura sulla superficie esterna della struttura (parete/tetto/solaio,…) e l’ora in cui la temperatura massima viene registrata sulla superficie interna della stessa.

In parole più semplici è la capacità di una parete/tetto/solaio (struttura in generale) a far sentire più tardi all’interno, la temperatura che si ha all’esterno.
Questo valore è molto importante nel calcolo del confort estivo.

Ad esempio un tetto con soli 15-16 cm di cellulosa garantisce uno SFASAMENTO di 10-11 ore. Questo significa che in estate, da quando il sole inizia a scaldare il tetto, passano circa 10-11 ore prima che il calore riesca ad entrare in casa, ma nel frattempo il sole inizia a calare ed arriva la sera dove la ventilazione sottotegola consente di smaltire il calore accumulato dalla cellulosa.

Un tetto così predisposto si comporta come i muri spessi delle case di una volta, dove d’estate fa sempre fresco perchè i muri spessi impediscono al calore di entrare.

Isolare la casa dal caldo un lavoro complesso. Affidati a degli specialisti. Le soluzioni fai da te rischiano di eliminare il problema solo temporaneamente.
La nostra azienda, attraverso un sopralluogo, individuerà la soluzione più adatta a risolvere il tuo problema.

(Elimina definitivamente il caldo dalla tua casa. FAI LA SCELTA INTELLIGENTE!)   RIVOLGITI AD UN PROFESSIONISTA!